"Reazionari" di ieri o di oggi

Eduardo Colombo
dimanche 16 juillet 2017
par  Refractions
popularité : 15%


Approfondimenti. Eduardo Colombo, "Reazionari" di ieri o di oggi

da "Réfractions", n° 14, primavera 2005

Traduzione di Ario Libert


Di fronte a una sinistra politica rassegnata ad accettare "che il capitalismo non morirà", e oggi in franca regressione ideologica, la destra detta intellettuale rialza la testa e raccoglie tutti quei cari ragazzi della borghesia a cui le luci della ribalta, la notorietà, hanno eroso gli ideali della giovinezza, schiavi come sono della loro vanità, cortigiani di tutti i poteri.

Un pensiero si impone che ha la pretese dell’evidenza : volere cambiare il mondo è, oltre che illusorio, pericoloso. Desiderare la rivoluzione, criticare la democrazia parlamentare, dire che la volontà non si delega, suscita immediatamente la risposta disincantata : state aprendo la strada ai totalitarismi. Da Rousseau al gulag c’è soltanto una via retta.

Occorre un ritorno all’ordine, restaurare l’autorità, non dispotica, naturalmente, ma l’autorità necessaria dello Stato, del padre nella famiglia, del maestro nella scuola. È quasi una mentalità più che un pensiero, una nebulosa composita che non arriva ancora ad essere una corrente organizzata, evidente, conquistatrice come aveva iniziato ad esserlo la "Nuova destra" negli anni settanta, ma un’ideologia diffusa, rampante, che si infiltra ovunque, in testi morali o politici o filosofici, nella letteratura e i giornali. È visibile anche nella divulgazione e la presentazione delle teorie scientifiche, soprattutto genetiche e comportamentiste. La diversità è proclamata e pubblicamente stimolata, nei limiti del politicamente corretto, nella diversità gerarchica dunque. Ci si può permettere un gusto per un certo dandismo, iconoclasta forse, ma a condizione di non dimenticare mai il nemico, il male : l’eguaglianza.

Leggere il seguito

LINK al post originale : http://refractions.plusloin.org/spip.php?article136